Viaggio in Perù fai da te

Molti conoscono il Perù solamente per Machu Picchu, in realtà c’è molto di più.

Un pò come la Thailandia nel Sud Est Asiatico, il Perù è stato per anni la principale meta turistica del Sud America e questo ha fatto in modo che molte destinazioni siano decisamente affollate e in alcuni casi si siano trasformate in vere e proprie trappole turistiche; moltissime, però, altre sono tutt’ora poco frequentate ma altrettanto affascinanti.

Ho attraversato interamente il Perù da nord a sud viaggiando zaino in spalla e qui di seguito troverai un sacco di informazioni utili per organizzare un viaggio low cost.

Menu rapido

montagne arcobaleno vicino a Cusco in Perù.

Lungo il sentiero che porta alle montagne arcobaleno. Instagram!

Perché visitare il Perù

  1. Dalle vette innevate delle Ande, passando per bellissime città coloniali e siti archeologici come Machu Picchu (ma non solo!)- alla foresta amazzonica, il Perù ha qualcosa da offrire per tutti i gusti.
  2. Nel corso degli anni la cucina indigena è stata influenzata da tecniche e sapori provenienti da Europa, Africa e Asia dando vita a quella che è sicuramente la punta di diamante dell’intero palcoscenico culinario del Sud America. Il ceviche è solo uno dei tanti piatti che ha spopolato in tutto il mondo e non è un caso che i ristoranti peruviani siano sempre più frequenti.
  3. È una destinazione low cost e facile da visitare. Il costo della vita, anche se non basso quanto in Bolivia, è paragonabile a certe destinazioni del Sud Est Asiatico, il che la rende un’ottima destinazione low cost per viaggiatori zaino in spalla ma non solo. Inoltre, come già detto in precedenza, un po’ come la Thailandia, il turismo di massa è presente da anni perciò tutte le infrastrutture legate al turismo sono molto più sviluppate rispetto ad altri paesi vicini, ed è facile da girare anche per viaggiatori “inesperti”.

Quando visitare il Perù?

Determinare il periodo migliore per visitare il Perù non è così facile visto che il clima varia profondamente lungo tutto il territorio.

Lungo la costa desertica fa estremamente caldo da dicembre a marzo (specialmente nel nord del Paese) mentre le temperature sono più piacevoli da aprile a novembre.

Nelle Ande la stagione delle piogge va da dicembre a marzo, mentre la stagione secca va da giugno a settembre. Il clima nella foresta amazzonica segue più o meno lo stesso schema ma con precipitazioni più frequenti e un clima caldo-umido durante tutto l’anno.

In sostanza è possibile visitare il Perù durante tutto l’anno senza grossi problemi, certo che se hai in programma di fare molto trekking allora la stagione secca è indubbiamente consigliabile.

Escursione alla laguna Churup da Huaraza in Peru.  

Trekking alla Laguna Churup durante la stagione delle piogge.

Documenti e vaccinazioni per entrare in Perù

I possessori di passaporto italiano (con scadenza inferiore ai 6 mesi) ricevono un visto turistico della durata di 90 giorni dal momento in cui entrano nel Paese. È possibile rinnovare il visto uscendo dal Paese per poi rientrare anche il giorno stesso, a patto che non si superino i 183 giorni per anno civile.

Non ho personalmente avuto esperienze a riguardo, ma leggendo qua e là sembrerebbe che la storia dei 183 giorni non sia sempre applicata e dipenda molto dall’ufficiale di frontiera.

Per ulteriori informazioni rimando al sito ufficiale.

Il Perù non richiede nessuna vaccinazione obbligatoria, ma Epatite A, Epatite B e febbre gialla sono consigliate, quest’ultima specialmente se si decide di visitare la foresta amazzonica.

Dove andare e cosa vedere in Perù

Come vedi dalla mappa, le principali attrazioni turistiche o comunque le più conosciute si trovano tutte a Sud di Lima, il che è vantaggioso soprattutto per chi non ha molto tempo a disposizione. Per chi invece ha più tempo consiglio vivamente di visitare anche il nord del Paese. Vediamo ora nel dettaglio cosa ogni destinazione ha da offrire.

In seguito parlerò spesso di prezzi in Soles a volte abbreviato con “Sol”. Il cambio attuale è 1€ = 3.83 Sol.

mappa destinazioni turistiche in Perù. Dove andare e cosa vedere.

Lima

Lima è la capitale nonchè la più grande città del Perù. Fondata nel 1535 da Francisco Pizarro è stata i il centro del potere dell’impero coloniale per circa 300 anni perciò la città è ricca di chiese, monasteri ed edifici storici in generale.

Cosa fare e vedere a Lima

Visita il centro storico

Plaza de Armas conosciuta anche come Plaza Mayor si trova nel cuore del centro storico e dal 1988 è entrata a far parte dei siti protetti dall’Unesco, tutto intorno troverai i principali edifici storici della città. Nel lato nord della piazza c’è il palazzo del governo che è anche la residenza ufficiale del presidente peruviano. A mezzogiorno è possibile assistere al cambio della guardia.

Mentre a sud est sorge la cattedrale di Lima, luogo dove si trovano i resti di Pizarro. Io consiglio di alloggiare al 1900 backpacker che oltre a essere un ottimo ostello, fornisce un tour gratuito del centro storico che dalla piazza principale ti porterà a vedere tantissimi altri luoghi interessanti.

Palazzo presidenziale di Lima a plaza de armas.    

Palazzo presidenziale a Lima.

Miraflores

Miraflore è il quartiere “fancy” della città. Qui l’atmosfera è molto europea e troverai tutti i locali di tendenza della città. Al centro del quartiere c’è Parque Kennedy mentre spostandoti verso la costa troverai il famoso fronte mare dove è possibile passeggiare e visitare Parque del Amor dove sono presenti numerose sculture moderne e mosaici.

Parque de la Reserva

Il parco esiste dal 1920 ma è solo nel 2007 che il comune di Lima ha completato i lavori per creare al suo interno El Circuito Mágico del Agua, un insieme di 13 fontane, molte delle quali interattive che detiene il record mondiale per il complesso di fontane più grande del Mondo.

Ci sono 3 spettacoli al giorno duranti i quali vengono creati dei giochi di luce accompagnati da musica nella fontana principale, consiglio fortemente la visita.

Il parco è aperto dal Martedì alla Domenica dalle 15:00 alle 22:30.

Gli spettacoli sono alle 19:15, 20:15 e 21:30.

L’entrata costa solamente 4 soles.

Una delle tante fontane a Parque reserva, Lima.  

Parque de la Reserva, Lima.

Dove dormire a Lima?

Le due zone principali dove la maggior parte delle persone alloggia sono il centro storico e Miraflores. Nel centro storico consiglio 1900 backpacker, l’ostello, ricavato all’interno di un palazzo coloniale è davvero ben carino e pulito. Per chi cerca un ambiente più festaiolo probabilmente Miraflores è una scelta migliore.

Tutte le destinazioni a Sud di Lima

Paracas

Questo piccolo paese a Sud di Lima non ha molto da offrire a livello turistico ma è un’ottima base per esplorare le vicine isole Ballestas e l’omonima riserva nazionale dove è possibile trovare 74 specie di piante che crescono in quest’area arida, 216 specie di uccelli, 16 specie di mammiferi, 10 specie di rettili e 193 di pesci. È considerato uno dei più ricchi ecosistemi al mondo, non male insomma.

Cosa fare cosa fare e vedere Paracas

Esplora la Peninsula di Paracas con un tour o da solo (noleggiando una bici, 20S circa) anche se visto il vento forte spesso presente potrebbe essere impegnativo.

Partecipa ad un tour alle vicine isole Ballestas (30 soles circa) dove tra le tante specie animale è possible vedere pinguini e leoni marini.

È possibile combinare le due destinazioni con un unico tour, 45S più 17S per l’entrata.

Come raggiungere Paracas?

Quasi tutti gli autobus diretti a Ica, Nazca e Arequipa ti lasceranno lungo la Panamericana senza entrare in paese, da qui è possibile raggiungere il centro del paese in taxi o prendendo uno dei collectivos locali.

Solo alcune compagnie come ExcluCiva, Cruz del Sur, Oltursa, Peru Bus e Peru Hop entrano in paese. Peru bus è la più economica.

Isole Ballestas all'interno della riserva Paracas in Perù.  

Isole Ballestas.

Ica

Ica si trova a 4-5 ore circa da Lima e 2-3 ore da Nazca, l’unica ragione per raggiungere questa città è la vicina oasi di Huacachina che si trova a pochi chilometri dalla città.

Huacachina

Il piccolo “paese”, in realtà si tratta di un agglomerato di hotel e ristoranti attorno alla piccola laguna circondata da dune di sabbia, può considerarsi la classica trappola turistica, qui infatti tutto è molto più caro rispetto al resto del Perù e l’oasi stessa si sarebbe prosciugata da anni se non fosse che l’acqua viene regolarmente pompata all’interno della piccola laguna affinché il business possa continuare.

Detto questo, consiglio comunque una visita veloce per partecipare al tuor in dune buggy che include anche il sand boarding. Correre tra le dune a bordo dei dune buggy è un po’ come salire sulle montagne russe, mentre il sand boarding è l’equivalente dello snowboarding su sabbia, il tutto è estremamente divertente e vale sicuramente la visita.

Il tour è pubblicizzato letteralmente ovunque e non dovrebbe essere pagato più di 30-35 Soles inclusa la tassa di 3.80S da pagare alla municipalità. Consiglio di partecipare al tour del pomeriggio così da assistere al tramonto.

Come raggiungere Huacachina?

Ica è una cittadina abbastanza grande e quindi raggiungibile da tutte le principali e vicine città della zona; una volta arrivati ad Ica non esiste trasporto pubblico per Huacachina. La tratta Ica-Huacachina costa circa 10S in taxi e 5S in tuk-tuk. Perù hop è l’unica compagnia di autobus che ha una fermata a Huacachina.

Dune buggy usate per andare a fare sandboarding a huacachina.  

I dune buggy usati per andare a fare sandboarding.

Nazca

Nanza è una città nel Sud del Perù famosa per le cosiddette “Linee di Nazca”. Queste linee che sono un insieme di figure geometriche e disegni giganti di animali scolpiti sul deserto su un’area totale di oltre 500km2.

Il modo migliore per ammirarle è tramite un volo relativamente caro per chi viaggia zaino in spalla (infatti in molti saltano Nazca a piedi pari, io compreso). Da quello che ho letto e sentito si parla infatti di 60-80 dollari per un volo di mezz’ora circa mentre l’alternativa più economica, cioè raggiungere una torre di osservazione, non ha molto senso viste le dimensioni di questi disegni.

In questo articolo Francesca parla della sua esperienza.

Come raggiungere Nazca?

Da e verso Ica partono numerosi collectivos, sono 2-3 ore circa, 15S. Da Cusco (14 ore) e Arequipa (9 ore) ci sono numerosi autobus notturni mentre da Lima sono circa 7 ore.

Le linee di Nazca in Peru.  

Linee di Nazca, il ragno.

Cusco

Cusco è una bellissima città che preserva moltissimi edifici coloniali ma anche le tracce di una storia ben più lunga, essendo stata la capitale dell’impero Inca e tutt’ora il centro culturale della comunità Quechua. Semplicemente camminando per le sue strada si possono vedere gli “strati” della sua storia.

È infatti comune vedere edifici coloniali costruiti direttamente sopra fondamenta risalenti all’epoca Inca.

Cusco è inoltre la base perfetta per visitare Machu Picchu, la valle sacra e le montagne arcobaleno.

N.B. Cusco si trova a 3400m di altitudine quindi il mal di montagna può essere un problema.

Cosa fare e vedere a Cusco

Visita il centro storico

Il centro storico di Cusco è davvero carino e più in generale vale sicuramente la pena passare almeno mezza giornata esplorando le strade della città. Plaza de Armas è la piazza principale ma anche Plaza de San Francisco è davvero carina.

Io, come sempre, consiglio di unirsi al free walking tour specialmente se parli un po’ di inglese o spagnolo.

Plaza de Armas a Cusco, punto di inizio del free walking tour.  

Plaza de Armas, Cusco.

La valle sacra fai da te

I siti archeologici nei dintorni di Cusco sono davvero tanti e per chi fosse interessato è possibile pagare un “boleto turistico” dal costo di 130 Soles (30-35€) che da accesso a 16 siti per un periodo di 10 giorni, per gli studenti il costo è di 70 soles.

È da poco possibile comprare anche un boleto turistico parziale valido per un giorno che da accesso ai 4 siti più vicini a Cusco: Sacsayhuaman, Q’enqo, Tambomachay e Pukapukara. Il costo è di 70 soles.

È possibile comprare il Bolete Turistico all’ufficio che si trova al numero 103 di Avenida del Sol.

Quello che segue è un mini-tour fai da te per visitare i 4 siti ai quali il boleto turistico parziale da accesso più altri due gratuiti nei dintorni.

N.B. Consiglio fortemente di scaricare maps.me sul tuo cellulare in quanto tutti i luoghi citati sono segnalati e molti dei sentieri sono tracciati, la zona non è assolutamente pericolosa ma senza gps potresti girare a vuoto per un bel pò.

Cusco -> Tambomachay/Pukapukara

Prendi un bus diretto a Pisac e chiedi di scendere a Tambomachay (2.50 soles). La stazione si trova in Avenida Tullumayo ma potresti essere in grado di salire da qualche altra parte in base alla posizione del tuo alloggio (chiedi alla reception). L’alternativa è prendere un taxi, la tratta Cusco – Tambomachay non dovrebbe costare più di 20 Soles, se condiviso non è così male. Pukapukara si trova a 300 metri di distanza.

pukapukara visto da fuori senza boleto turistico.  

Pukapukara visto da fuori (senza boleto turistico)

Pukapukara -> Tempio della Luna

Una volta finito di esplorare Pukapukara e cammina verso Cusco per 600m circa, a questo punto prima del villaggio di Huayllarocha vedrai un sentiero sulla sinistra, prendilo. Supererai un campo di calcio per poi proseguire in mezzo a alberi di eucalipto, da qui il sentiero non è facile da seguire ma, facendo affidamento a maps.me, non sarà difficile trovare la strada per il Tempio della Luna.

Questo sito non richiede il boleto turistico per l’accesso.

Tempio della Luna -> Tempio della scimmia

Lasciando il Tempio della luna alla tua destra, segui il sentiero verso le case per poi proseguire tra i due muri di pietra. Dopo poco arriverai al Tempio della scimma.

Questo sito non richiede il boleto turistico per l’accesso.

Tempio della Luna nella valle Sacra a Cusco.  

Tempio della Luna (sulla destra) con Cusco in lontananza.

Tempio della scimmia-> Q’Enqo

Torna sul sentiero appena preso e prosegui per 15 minuti circa fino alla strada principale per poi attraversarla e proseguire lungo un sentiero meno tracciato, a questo punto puoi risalire la collina ed entrare a Q’Enqo da un’entrata secondaria (o provarci nel caso non avessi il boleto. Mi era stato detto che spesso è possibile entrare senza problemi ma io mi sono fidato di un gruppetto di bambini all’inizio del sentiero che mi ha detto di lasciar stare). L’alternativa è proseguire dritto finchè raggiungerai una distesa di erba e “rovine” ai piedi di Q’Enquo.

Q’Enqo -> Sacsayhuaman

Prosegui sulla strada principale per 20 minuti circa finché arriverai al Cristo bianco, da qui, superate le bancarelle, ci sono una serie di sentieri che portano a Sacsayhuaman. Anche questa volta si tratta di un accesso secondario e potresti essere in grado di entrare senza il boleto turistico. In caso contrario goditi la vista di Cusco e Sacsayhuaman dall’alto.

All’interno del sito c’è una scalinata che porta direttamente a Plaza de las Armas, nel caso non riuscissi a entrare da qui, torna sulla strada principale e cammina fino a Cusco.

rovine Sacsayhuaman nella valle sacra a Cusco.  

Sacsayhuaman con Cusco sullo sfondo.

Machu Picchu

Machu Picchu può essere raggiunta in un sacco di modi diversi, dal costosissimo Inca trail (parliamo di minimo 500€ e va prenotato con mesi di anticipo) al Salkantay trek che sinceramente costando circa 200€ tutto incluso per 4 notti e 5 giorni non è un brutto affare e mi è stato raccomandato da molti, per finire con il jungle trek che è un trekking/attività di 4 giorni e 3 notti che considerando le attività incluse (zip lining, mountain bike e rafting) al costo di 150€ circa tutto incluso non è affatto male.

Prima di parlare dell’opzione più economica in assoluto vorrei menzionare il treno iper mega costoso (considerando che siamo in Perù) che raggiunge Aguas Caliente (il paese alla base di Machu Picchu) da Cusco o Ollantaytambo. Per la tratta Cusco-Aguas Caliente parte da un minimo di 50€ per un biglietto di sola andata per arrivare fino ai quasi 500€ per il treno lussuoso, la durata del viaggio è di 3 ore circa. Nel caso fossi interessato questo è il sito.

N.B. A partire dal 1 Luglio 2017 l’accesso alle rovine oltre ad essere a numero limitato è anche diviso in due fasce orarie 6:00 -12:00 e 12:00 – 17:30. È possibile comprare il biglietto all’ufficio della cultura di Cusco (Casa Garcilaso – Calle Garcilaso) o di Aguas Caliente (vicino alla piazza principale) oppure tramite il sito ufficiale (il sito fa schifo ma qui trovi un’ottima guida con tanto di screenshot che ti guidano durante il processo), qualsiasi altro sito / agenzia ti farà pagare una commissione. Specialmente durante l’alta stagione (giugno – settembre) è consigliabile comprare il biglietto con qualche giorno di anticipo. L’accesso alle sole rovine costa 152S (77S per gli studenti con la carta ISIC), se vuoi salire su uno dei due picchi che dominano le rovine (Montaña e Huayna Picchu) il prezzo è 200S. Ricordati di portare con te il passaporto. I prezzi sembrano aumentare ogni anno.

Machu pichu con un lama.  

Le rovine di Machu Picchu.

Machu Picchu fai da te

Giorno 1 Cusco -> Hidroelettrica (35-40 soles, 6-7 ore)

A Cusco qualsiasi agenzia può proporti il trasporto da Cusco a Aguas Caliente per 35-40 Soles, potrebbero partire più alti ma non dovresti avere problemi a negoziare.

La strada è davvero scenografica a tratti e i minibus sono generalmente comodi e con l’aria condizionata L’unica cosa è che c’è un passo di montagna a circa 4000 metri da superare e la strada ha un sacco di curve quindi chi soffre di mal di macchina potrebbe avere qualche problema!

Giorno 1 Hidroelettirca -> Aguas Caliente (a piedi, 2-3 ore)

Arrivati a Hidroelettrica la camminata lungo i binari del treno è piacevole e totalmente piana, 2-3 ore al massimo. Passa la notte ad Aguas Caliente. Guardando ai vari siti di prenotazione (booking, hostelworld ecc ecc) può sembrare che le opzioni economiche siano limitate, non è così. Ci sono letteralmente centinaio di opzioni che non compaiono su internet e nonostante tutto sia più caro rispetto al resto del Perù, basta attraversare il fiume/torrente che divide la città a metà per veder crollare i prezzi: una camera doppia con bagno privato in un albergo carino mi è costata 35 soles a gennaio 2016. Ad Aguas Caliente non c’è molto da fare, ma il giorno dopo dovrai svegliarti presto e probabilmente sarai stanco dal lungo viaggio.

Il sentiero lungo i binari del treno che porta da Hidroeletrica a Aguas Caliente.  

La camminata lungo i binari del treno.

Giorno 2 Aguas Caliente -> Machu Picchu

A questo punto dovresti già avere il tuo biglietto per entrare al sito (consiglio il turno della mattina). Per raggiungere le rovine da Aguas Caliente ci sono due opzioni:

  • Camminare per circa un’ora/un’ora e mezza (il dislivello è di 400 metri circa, niente di impegnativo ma neanche una passeggiata) cerca di lasciare Aguas Caliente verso le 4 e mezza/5 del mattino in modo da essere all’ingresso non appena aprono i cancelli. Qui trovi un mappa giusto per farti un’idea anche se perdersi è praticamente impossibile visto il numero di persone che troverai per strada.
  • Dopo il treno più costoso del Sud America c’è la possibilità di prendere anche l’autobus più costoso (scusa l’ironia ma odio quando la gente/governo ne approfitta così spudoratamente). Il prezzo è di 24 dollari per un biglietto di andata e ritorno, la durata del viaggio è 20 minuti circa. Il primo bus parte da Aguas Caliente alle 5:30 del mattino ma ci sarà la fila dalle 4:30. Se decidessi di prendere questo bus, consiglio fortemente di comprare il tuo biglietto il giorno precedente.
Machu Picchu visto dalla porta del Sole.  

Machu Picchu visto dalla Porta del Sole.

Giorno 2 Machu Picchu -> Hidroelettrica -> Cusco

Goditi il sito fino alle 12:00 quando, in ogni caso scade il turno e sarai costretto ad uscire. Scendi seguendo il sentiero fatto la mattina e poi dirigiti verso Hidroelettrica idealmente senza tornare ad Aguas Caliente così da risparmiare tempo. Gli ultimi van di ritorno a Cusco tendono a partire verso le 2 e mezza/3 quindi non dovresti aver nessun problema con i tempi. Una volta tornato a Cusco probabilmente sarai esausto ma passare un’altra notte ad Aguas Caliente non ha molto senso secondo me.

Ovviamente Machu Picchu può essere raggiunto ed esplorato letteralmente in decine di modi e tempi diversi ma quanto appena descritto è probabilmente il modo più efficiente ed economico per farlo.

N.B. All’interno del sito teoricamente non è permesso mangiare (uhm ok..) ma lo fanno letteralmente tutti quindi non dovresti aver nessun problema a portare il tuo pranzo al sacco. In centro ad Aguas Caliente c’è un mercato locale estremamente economico dove fare rifornimento di frutta, verdura ecc.

L’ultima opzione che voglio citare è quella di fare tappa a Ollantaytambo partendo da Cusco, passare la giornata esplorando le rovine (oltre alla fortezza per la quale hai bisogno del boleto turistico c’è un’altro sito gratuito interessante da dove si ha un’ottima vista sulla fortezza stessa). Il giorno successivo prendi un collectivo per hidroelettrica dalla piazza principale per poi fare quanto appena descritto.

Rovine Pinkuylluna a Ollantaytambo  

Rovine Pinkuylluna a Ollantaytambo (entrata gratuita).

Le montagne arcobaleno (Vinicunca)

Le montagne arcobaleno sono uno spettacolo naturale che fino a pochi anni fa era praticamente sconosciuto. E’ possibile visitarle come parte del Ausangate Trek ma l’opzione che scelgono in molti, io compreso, è l’escursione giornaliera da Cusco.

Il modo più semplice e sorprendentemente più economico per farlo è tramite un tour organizzato. Raggiungere l’inizio del sentiero utilizzando una combinazione di collectivos e taxi è possibile ma si finisce col spendere più o meno gli stessi soldi mettendoci però molto più tempo.

Io che sono un malato del risparmio, ho girato minimo 10 agenzie diverse finchè sono riuscito a trovare una disposta d offrire il solo trasporto per 35 soles, che è un prezzo davvero ragionevole, in alternativa è possibile comprare il pacchetto completo (trasporto, colazione e pranzo a partire da 60-70 soles).

C’è inoltre da pagare una tassa alla comunità che vive nella zona, 10 soles.

Dal punto di partenza al punto in cui viene scattata la celebre foto, se in forma e acclimatati (si arriva a toccare i 5200 metri) non si dovrebbero impiegare più di due ore, in caso contrario si potrebbe impiegare molto di più o non farcela affatto tanto tanto che in molti decidono di salire a cavallo. Noleggiare un cavallo all’inizio del sentiero dovrebbe costare circa 40 soles sola andata e 70 andata e ritorno.

Il panorama lungo tutto il sentiero è davvero bello e non si limita alla sola vista delle montagne arcobaleno. Per concludere, ricorda che a questa altitudine il meteo è estremamente variabile quindi vestiti in modo adeguato e non dimenticare che il mal di montagna è qualcosa di serio, quel giorno ho visto un ragazzino semi cosciente essere portato giù in spalla.

Le montagne arcobaleno in Peru in una giornata nevosa.  

Le montagne arcobaleno ricoperte di neve.

Come raggiungere Cusco?

Ci sono un sacco di collegamenti in autobus dalle principali città peruviane, da Lima sono 24 ore, Puno 6-8 ore, Arequipa 10 ore, Nazca 14-16 ore, Copacabana 9-12 ore, La Paz 12-15 ore.

Da Lima ti consiglio di dare un’occhiata ai voli, è spesso possibile volare a 30-40 euro sola andata.

Dove dormire a Cusco?

The Grasshopper Hostel è un ottimo compromesso tra budget e qualità. Se sei alla ricerca di un party hostel allora Loki e Wild Rover sono le migliori opzioni. Ho visto entrambi e devo dire che Wild Rover è davvero figo, l’ostello è nuovissimo e si trova in una location davvero incredibile.

Puerto Maldonado

La città non è particolarmente carina, fa sempre caldo e umido ma è una ottima base per esplorare la foresta amazzonica ed è facilmente raggiungibile con un bus notturno da Cusco che è praticamente nell’itinerario di chiunque visiti il Perù e quindi molto più pratico rispetto alla più famosa Iquitos, che molti raggiungono per esplorare la foresta amazzonica.

I tour offerti e le diverse lodge sono decine se non centinaia e per tutti i budget. Non andrò di certo a dilungarmi parlando di tutte le possibili opzioni ma scriverò brevemente della mia esperienza.

Leggendo qua e là ho deciso che il lago Sandoval sarebbe stata la scelta migliore, il lago, oltre ad attrarre più animali, è abbastanza vicino alla città e quindi i costi di trasporto sono più bassi rispetto ad altre zone, inoltre è la casa di una famiglia di lontre giganti, una specie abbastanza rara.

Dopo aver chiesto in giro, sono stato indirizzato verso l’agenzia che gestisce la Maloka Sandoval Lodge. Dopo aver trattato per un po’ sono riuscito a ottenere il tour di 3 giorni e due notti a 110$ invece dei 170$ reclamizzati sul loro sito, era bassa stagione quindi questo può sicuramente aver aiutato.

Io sinceramente sono rimasto soddisfatto: il cibo era buono, la camera privata spaziosa e pulita, e le attività interessanti. Alejando, la mia guida, è stato davvero simpatico, disponibile ed estremamente professionale.

Ripeto, le opzione sono davvero tante ma tutto sommato io sono rimasto soddisfatto della mia scelta.

Tramonto sul lago Sandoval nella foresta amazzonica in Peru.  

Tramonto sul Lago Sandoval.

Dove dormire a Puerto Maldonado?

Tambopata Hostel è davvero carino e sembra anche essere l’unica opzione in città nel caso si volesse atmosfera da ostello e non solo un posto dove dormire.

Come raggiungere Puerto Maldonado?

Da Cusco sono circa 10 ore in autobus e quindi un’ottima tratta per un bus notturno, il costo è di 35-50 Soles.

Arequipa

Arequipa, che è pure stata la capitale del Peru dal 1835 al 1883, è tutt’ora la seconda città più importante del Paese dopo Lima e la seconda più visitata dopo Cusco.

Soprannominata la “ciudad blanca” per i numerosi edifici costruiti con una pietra bianca di origine vulcanica (la città è circondata da 3 vulcani) è a mio parere la più bella città del Perù, e a 2380 metri di altitudine offre un clima particolarmente piacevole durante tutto l’anno.

Cosa fare e vedere ad Arequipa

Visita il centro storico

Il centro storico è composto da 5 isolati ed è facilmente esplorabile a piedi. Alcune delle attrazioni principali sono: Plaza de Armas (la piazza principale) , il mercato San Camilo, il mirador Yanahuar, il Museo Santuarios Andinos dove è possibile vedere la mummia Juanita e il Convento de Santa Catalina che viene spesse definito come una città all’interno della città.

Come sempre, io consiglio di unirsi a un free walking tour.

mirador Yanahuar con vista sul vulcano EL Misti ad Arequipa.  

Mirador Yanahuar con il vulcano El Misti sullo sfondo.

El misti e Chanchani

El misti e Chanchani sono due dei tre vulcani che dominano la città. Teoricamente è possibile “scalare” entrambi indipendentemente senza nessun tipo di permesso raggiungendo l’inizio dei sentieri tramite trasporto pubblico.

Io non l’ho fatto, ma un caro amico ha scalato Chanchani in solitaria e senza ramponi (è considerato uno dei 6000 più facili al mondo ma visto che la cima è perennemente ghiacciata/innevata è altamente consigliabile avere l’attrezzatura adatta) a ogni modo io lo sconsiglio. I prezzi per tour guidati sono 200-300 Soles per El misti e 350-450 Soles per Chanchani.

Il canyon del Colca

Questo secondo me è il motivo principale per visitare Arequipa. La valle del Colca è un’area di assoluta bellezza e l’attrazione principale è il canyon che raggiunge i 3140 metri di profondità rendendolo uno dei più profondi al mondo. L’area e il canyon in particolare è inoltre famoso per la presenza di condor.

È possibile visitare il canyon in giornata ma, se hai tempo, consiglio di fare un trekking di 2 notti e 3 giorni. Molti decidono di affidarsi a una agenzia ma io come spesso faccio lo sconsiglio, non tanto per il prezzo ma per la libertà di fare ciò che si vuole e soprattutto il fatto che nessuno dei tour organizzati ti porterà a visitare le terme a Llahuar Lodge.

Il Colca Canyon in Perù con Oasi sangalle.

Il Canyon del Colca.

Itinerario Canyon del Colca fai da te

Il seguente itinerario evita la partenza folle alle 3 del mattino ma ti costringe a passare la notte a Cabanaconde che per chi ha poco tempo potrebbe essere un problema, in tal caso non c’è soluzione, svegliati nel ben mezzo della notte e prendi il bus delle 3:00. Il mio consiglio è di prendere il bus delle 11:00 così da arrivare nel tardo pomeriggio (5-6 ore, 17 soles) a Cabanaconde. Qui trovi una tabella con i vari orari.

I sentieri sono facile da seguire e spesso ci sono cartelli con indicazioni. Consiglio, anche qui, di scaricare maps.me per evitare problemi. Qui trovi una mappa stilizzata con i tempi (abbondanti) per le varie tratte.

Giorno 1 Cabanaconde -> San Galle

Se vuoi andare a vedere i condor alla Cruz del Condor allora prendi la camioneta delle 6:30 (4 soles) e torna a Cabanaconde con il bus delle 9:30 (forse c’è qualche camioneta/bus che passa prima). Una volta tornato a Cabanaconde hai due opzioni:

  • Scendere direttamente a San Galle (2 ore circa) e passare la giornata a oziare a bordo piscina di uno dei 4 alloggi disponibili.
  • Vai a San Juan de Cuccho e Malata per poi scendere a San Galle (5-6 ore circa) e arrivare nel tardo pomeriggio.

Giorno 2 San Galle-> Llahuar Lodge

Risali il canyon e cammina lungo la strada, a un certo punto passerai attraverso un piccolo villaggio e una volta sceso di nuovo in fondo al canyon ed aver attraversato il ponte, goditi un paio d’ore di meritato relax alle piscine di acqua termale.

L’alloggio fornito sono delle piccole capanne (15-20 soles/persona). E i deliziosi pasti vegetariani costano (8-10 soles). Il posto è un paradiso.

Giorno 3 Llahuar Lodge -> Cabanaconde

L’ideale sarebbe lasciare la lodge verso le 6 in modo da riuscire a prendere il bus delle 11:00 ma c’è sempre la possibilità di prendere quello delle 14:00.

Il tutto è estremamente semplice e a mio parere una guida o la partecipazione a un tour è davvero superflua. Dai un’occhiata alla mappa giusto per avere un’idea di dove si trovano tutti i luoghi e affidati a maps.me nel caso ne avessi bisogno.

Per accedere a tutta l’area del Colca Canyon è necessario pagare un boleto turistico (70 soles), da quello che ho capito questi soldi vengono quasi esclusivamente raccolti alla Cruz del Condor che è una tappa fissa di tutti i tour ma potrebbero esserci degli addetti anche lungo i sentieri. Non essendoci andato (si ho visto comunque dei condor ma lì è praticamente garantito) ho finito col non pagare. Non ci sono atm a Cabanaconde e nemmeno nei paesi lungo la strada quindi porta con te abbastanza contanti da Arequipa.

Le terme alla Lodge Llahuar  

Io che aiuto a ripulire le vasche inferiori sommerse durante la stagione delle piogge.

Dove dormire ad Arequipa?

Friendly AQP è davvero economico, la colazione è inclusa e non si trova troppo distante dal centro. Lo staff è davvero cordiale. Per chi cerca un party hostel consiglio Wild Rover.

Come raggiungere Arequipa?

Da Puerto Maldonado ho trovato un bus-cama per 30 soles, 14 – 15 ore, ci sono 3 compagnie e partono tutte nel pomeriggio. Da Cusco e Ica ci sono parecchi bus notturni. Da Puno sono 6 ore circa. Da qui ci sono bus frequenti per proseguire il tuo viaggio in Bolivia verso sud.

Puno

Puno è una città che si trova sulle sponde del lago Titicaca a 3800 metri, ci sono passato senza fermarmi in quanto ero diretto a Copacabana in Bolivia e avrei avuto modo di visitare il famoso lago da lì.

In ogni caso, l’attrazione principale sono le isole galleggianti Uros che mi sono state descritte da alcuni come assolutamente “finte” ed esistono ancora a solo scopo turistico (un po’ come l’oasi di Huacachina) ma sono sicuro possa essere un’esperienza interessante.

Ti rimando a questo articolo dove viene raccontato in dettaglio un tour delle isole.

Come raggiungere Puno?

Da Cusco, Arequipa ci sono bus molto di frequente e impiegano circa 6 ore.

Le isole Uros di Puno sul lago Titicaca.  

Isole Uros sul Lago Titicaca.

Tutte le destinazioni a Nord di Lima

Huaraz

Huaraz è considerata la capitale peruviana del trekking, si trova a 3100 m di altitudine quindi se arrivi direttamente da Lima concediti un giorno o due prima di fare qualsiasi trekking. Ricorda che come visto all’inizio delle guida, nelle Ande la stagione delle piogge va da dicembre a marzo, mentre la stagione secca va da giugno a settembre.

Io ci sono stato a gennaio e pioveva puntualmente ogni giorno nel pomeriggio ma ho comunque avuto modo di fare escursioni giornaliere cercando di partire la mattina presto, per trekking di più giorni in tenda non è di certo l’ideale.

Cosa fare e vedere a Huaraz

Ci sono letteralmente centinaia di trekking/escursioni da fare nella zona ma voglio elencare alcune delle più popolari da svolgere in giornata.

Laguna 69

Questo lago di origine glaciale è letteralmente una gemma nel cuore della Cordillera Blanca e una delle cose più belle che abbia visto. Come ormai saprai di solito sconsiglio i tour ma questo è uno dei rari casi dove il tour è effettivamente di gran lunga più conveniente del trasporto pubblico.

Il tour cost 30-40 soles, questo include il trasporto e una guida (che chiude il gruppo ed ognuno è libero di salire al proprio passo quindi “inutile” in quanto il sentiero è estremamente facile da seguire). Si parte verso le 5:30 circa e spesso ci si ferma a fare colazione per strada (il posto non è proprio economico) per arrivare all’inizio del sentiero circa 3 ore dopo.

L’ascesa è di 2-3 ore circa, la laguna si trova a 4950m quindi se non si è acclimatati e in forma discreta può essere davvero dura, una volta arrivato goditi il tuo pranzo al sacco e la bellissima vista, alcuni fanno addirittura il bagno! La discesa è ovviamente molto più rapida, e salvo ritardi si parte verso le 15:00 per essere ad Huaraz alle 18:00.

La laguna 69 a Huaraza in Peru.  

Laguna 69, Huaraz.

Laguna Churup

Prendi un minivan per il paese chiamato Llupa, il costo è di 5 soles (la fermata è vicino al fiume che taglia la città a metà, chiedi al tuo alloggio) da qui si può camminare per 4km fino all’inizio del sentiero ma sono disposti a portarti fino in cima per un totale di circa 10 – 15 soles in base al numero di paganti (arrivato alla fermata c’erano altri 5 ragazzi e ovviamente l’autista e il suo aiutante sanno dove sei diretto quindi te lo proporranno anche senza chiedere).

Si sale da 3800 a 4500 metri per circa un’ora e mezza/due. Il sentiero non è particolarmente impegnativo ma dopo essere arrivati alla cascata appena sotto la laguna c’è un pezzo di “arrampicata” da fare, sono presenti delle corde in metallo per aiutarti e personalmente non credo siano richieste doti particolari ma per alcuni potrebbe ovviamente essere impegnativo.

Dopo 10 minuti circa vedrai la laguna. La vista della laguna con le montagne alle spalle è davvero bella. Se sei fortunato o ti sei messi d’accordo con il minivan che ti ha portato la mattina, allora ci sarà qualcuno ad aspettarti all’inizio del sentiero, altrimenti scendi fino Llupa dove i minivan passano più di frequente.

L’ingresso al parco nazionale è di 10 soles da pagare all’inizio del sentiero.

La Laguna Churup a Huaraz in Peru  

Laguna Churup, Huaraz.

Laguna de Aguak

Premetto che non ho praticamente avuto il piacere di vedere la laguna visto che una volta arrivato in cima la nebbia era talmente fitta da non permetterlo, ma guardando le foto dopo aver chiesto a due amici più fortunati di me le altre due meritano di più.

In ogni caso per raggiungerla basta prendere un minivan per Wilcahuaín 1-2 soles (la fermata si trova a tipo 300 metri da dove parte quello per Llupa). Dì all’autista che vuoi andare alla laguna de Aguak e verrai lasciato praticamente all’inizio del sentiero. L’ascesa di 3-4 ore circa è più dura rispetto alle altre due lagune.

Sentiero verso la Laguna de Aguak in Peru con Huaraz sullo sfondo.  

Il sentiero verso la Laguna de Aguak con Huaraz sullo sfondo.

Ghiacciaio Pastoruri

Il ghiacciaio Pastoruri è uno dei pochi ghiacciai tropicali rimasti, ed è facilmente raggiungibile con un tour da Huaraz al costo di 35-40 soles. Il minibus impiega circa 3 ore a raggiungere la destinazione e poi c’è da camminare per un’ora scarsa.

Non ci sono stato ma in molti mi hanno detto che ne vale la pena, lo consiglio soprattutto a chi non piace particolarmente fare trekking ma vuole comunque godere di questi fantastici paesaggi.

Un’altro trekking estremamente popolare da fare con o senza tour (puoi noleggiare l’attrezzatura da campeggio ad Huaraz) è il Santa Cruz trekking. È considerato uno dei trekking più belli del mondo ma dopo averci pensato tanto ho deciso di non farlo (sono stato ad Huaraz a gennaio durante la stagione delle piogge). Alcuni amici l’hanno fatto agli inizi di febbraio stanchi e demoralizzati dopo la tanta pioggia che scende puntualmente ogni giorno durante questo periodo. In questo articolo trovi una descrizione in dettaglio del trekking Santa cruz intrapreso con un’agenzia.

Il ghiacciaio Pastoruri a Huaraz in Peru.  

Dove dormire a Huaraz?

Io ho dormito al Vacahouse, gli arredamenti sono un po’ vecchi ma il luogo è pulito ed economico, lo staff davvero gentile.

Come raggiungere Huaraz?

Da Lima sono 8 ore circa, con Movil 45 Soles circa.

Da Trujillo sono 8 ore circa, con Movil 45 Soles circa (solo di notte). Di giorno vai prima a Chimbote (2 ore circa) con American Express ogni 20 minuti, 12 soles.

Trujillo

Trujillo è una città abbastanza grande nel nord del Perù usata principalmente come base per esplorare i numerosi siti archeologici presenti nella valle, sono più di 3000 e risalgono alla cultura Chimu e altre popolazioni presenti prima dell’arrivo degli spagnoli.

Non ho avuto modo di vedere la città e ho preferito alloggiare a Huanchaco (cosa che fanno in molti e consiglio), un piccolo paese in riva al mare a poca distanza da Trujillo facilmente raggiungibile con i minivan che fanno spola di frequente, 1.50 Soles.

Cosa fare e vedere a Huanchaco

Come già detto, consiglio di alloggiare a Huanchaco ma quanto leggi è facilmente fattibile anche da Trujillo vista la breve distanza che separa le due città.

Le rovine di Chan Chan

Molti secoli fa Chan Chan era la più grande città di tutto il continente americano, capitale della civiltà Chimu fino a quando nel 15esimo secolo è stata invasa e successivamente abbandonata dagli Incas.

Le rovine si trovano a metà strada tra Trujillo e Huanchaco quindi basta prendere uno dei tanti collectivos che fa avanti e indietro per raggiungerle. Chiedi di essere scaricato “all’entrada para Chan Chan”. Le rovine si trovano in fondo alla strada (difficile non vederle).

Il collectivo da Huanchaco dovrebbe costare 1 sol mentre l’entrata costa 10 soles.

Le rovine di Cha Chan vicino a Trujillo in Peru.  

Le rovine di Chan Chan.

Surfare

L’intera zona è abbastanza popolare tra i surfisti e le condizione sembrano essere buone anche per i principianti, tanto che le scuole di surf sono numerose e anche gli ostelli spesso offrono la possibilità di noleggiare tavola e muta.

Huaca de la Luna (tempio della luna)

Il sito si trova circa 4km da Trujillo e si tratta di una grande struttura, che assieme al tempio del sole, faceva parte di un’antica città Moche chiamata “Cerro Blanco” dagli archeologi moderni.

Il sito è ben conservato in quanto è stato sepolto per anni nella sabbia e l’attrazione principale è un grande muro decorato da intagli e disegni colorati.

Purtroppo non ho avuto il piacere di visitare il sito ma ti lascio di seguito le indicazioni per raggiungerlo con il trasporto pubblico.

Dal centro di Trujillo sali sul collectivo che dice “Campiña de Moche / Mochica Chimu” 1.50 all’angolo tra Huayna Capac e Suárez sull’ Avenida Los Incas vicino al Mercado Mayorista. Vista la breve distanza, un taxi non dovrebbe essere troppo caro, specialmente se condiviso.

L’entrata al sito è di 10 soles e comprende un tour guidato in inglese o spagnolo.

Il tempio della Luna a Trujillo  

All’intero del tempio della Luna.

Dove dormire a Huanchaco?

Wachaque Surf stra consigliato, l’ostello è ben strutturato e pulito, la colazione (compresa) è deliziosa, la terrazza sul tetto fantastica e il proprietario è davvero gentile.

Come raggiungere Trujillo/Huanchaco?

Per raggiungere Huanchaco bisogna sempre passare per Trujillo che trovandosi lungo la Panamerica è facilmente raggiungibile con autobus diretti da moltissime città del Perù, tra le quali Chimbote, Huraraz e Lima a Sud, Chiclayo, Piura, Mancora e Tumbes (confine con l’Ecuador a Nord). Cajamarca e Chachapoyas a Est.

Cajamarca

Cajamarca è decisamente fuori mano per chi ha poco tempo da passare in Perù, ma se arrivi dall’Ecuador, oppure hai parecchio tempo a disposizione da dedicare al paese, allora vale sicuramente la pena includerla nel tuo itinerario.

Cosa fare e vedere a Cajamarca

Cumbe Mayo

Si tratta di un acquedotto pre-colombiano costruito attorno 1000a.c. per portare acqua durante la stagione secca dalle montagne alla città di Cajamarca. Un tour dalla città costa 18 Soles, in alternativa è possibile raggiungere il sito prendendo un collectivo vicino a Santa Apolonia per 5 soles chiedendo all’autista di essere scaricato a Cumbe Mayo. Il viaggio scenografico dura circa un’ora, 5 soles. L’entrata al sito costa anch’essa 5 soles.

Ventanillas de Otuzco

Le Ventanillas de Otuzco sono delle necropoli risalenti all’epoca pre-colombiana. Sono facilmente raggiungibili in collectivo da Cajamarca al costo di 1-2 soles, l’entrata costa 5 soles.

Le ventanillas de Otuzco a Cajamarca.  

Le ventanillas de Otuzco.

Come raggiungere Cajamarca?

Ci sono parecchi autobus al giorno da Trujillo, 7-8 ore circa. Per raggiungere Chachapoyas bisogna prima passare per Celendin. A nord ci sono connessioni con Piura e Chiclayo.

Chachapoyas

Chachapoyas è una città nella regione dell’amazzonia. In Perù che viene usata come base per esplorare alcuni siti nelle vicinanze. La zona non è molto turistica e con ogni probabilità troverai solo altri viaggiatori zaino in spalla, al contrario del Sud del Perù.

Cosa fare e vedere a Chachapoyas

Kuelap

È un’antica fortezza con mura che raggiungono i 12 metri di altezza. Ospitava al suo interno fino a 3000 persone. Si tratta delle rovine più grandi del Sud America risalenti all’epoca pre-inca. È possibile raggiungere la fortezza in tre modi:

  • Tramite una funivia da Nuevo Tingo, 30 minuti, 20 soles per poi camminare circa un chilometro in salita (15-20 minuti) prima di raggiungere la fortezza vera e propria.
  • Unendosi a un tour dal costo di 80 soles che include trasporto, funivia, entrata, guida e pranzo.
  • Camminando da Tingo Viejo raggiungibile in colectivo 6-7 soles, un’ora circa. I collectivos partono dal terminal degli autobus su Calle Triunfo. Il sentiero inizia vicino al ponte ed è ben segnalato. Sono 9km circa e 1200 metri di dislivello, 3-5 ore per salire, 2-3 ore per scendere.

L’entrata al sito costa 20 soles.

fortezza Kuelap a Chachapoyas visto dell'alto  

Immagine aerea di Kuelap.

Cascata Yumbilla

La cascata si trova all’interno della cosiddetta “foresta delle cascate giganti”, misurata ufficialmente nel 2007, raggiunge gli 895.4 metri di altezza che la rendono la terza più alta del mondo. Può essere raggiunta facendo un’escursione giornaliera (partendo presto) con il trasporto pubblico facendo quanto segue: orendi un collectivo per Pedro Ruiz, un’ora circa, 5 soles, poi prendi un mototaxi per Cruispes 25 minuti, 15-20 soles, una volta arrivato alla piazza principale sarà facile essere indirizzato verso le direzione giusta.

L’entrata costa 10 soles.

Carajia

Sono dei sarcofagi antropomorfi costruiti alle pendici di una parete rocciosa raggiungibile al termine di un sentiero breve e ben segnalato (20-30 minuti circa) che parta dal villaggio di Cruz Pata.

Per raggiungere Cruz Pata da Chachapoyas prendi un collectivo per Luya dal terminal degli autobus (5 Soles, 50 minuti) e poi un collectivo per Cruz Pata (6 soles, 40 minuti).

L’entrata al sito costa 5 soles.

Sarcofagi antropomorfi Karajia a Chachapoyas.  

Sarcofagi antropomorfi  a Chachapoyas.

Dove dormire a Chachapoyas?

Chacha international, economico, pulito e vicino al centro.

Come raggiungere Chachapoyas?

Ci sono bus notturni da Trujillo(16:30) e Chiclayo (20:30 e 21:00) che arrivano a Chachapoyas alle 6:00 del mattino. Ci sono bus anche da Lima ma il viaggio è davvero lungo (22 ore circa). Da Mancora ci sono bus frequenti per Chiclayo (7 ore). Da Cajamarca sono circa 10 ore.

Iquitos

Iquitos è la più grande città al mondo che non può essere raggiunta via terra ed è usata dai turisti come punto di partenza per esplorare la foresta amazzonica e in particolare la riserva Pacaya – Samiria è inoltre possibile navigare lungo il Rio delle Amazzoni fino a Manaus.

Negli ultimi anni Iquitos ha attratto moltissimi turisti interessati ai riti sciamanici, in particolare l’ Ayahuasca che è un infuso psichedelico a base di diverse piante amazzoniche, in grado di indurre un potente effetto allucinogeno, oltre che purgante. Al suo utilizzo sono da sempre state attribuite prerogative magiche e terapeutiche

Come già detto in precedenza io ho deciso di visitare la foresta amazzonica a Puerto Maldonado per semplicità e convenienza quindi non ho esperienze in prima persona ma leggendo qua e là si parte da circa 130-150 soles al giorno per un tour di uno o più giorni.

In questo articolo puoi farti un’idea chiara di cosa aspettarti da Iquitos oltre a come raggiungerla.

Un airone nella foresta amazzonica in Peru-  

Airone nella foresta amazzonica peruviana.

Mancora

Arrivando dall’Ecuador zaino in spalla, questa è la prima tappa per molti backpackers. Si tratta di un piccolo paese in riva al mare che negli anni si è trasformato nella classica party town che ogni paese meta di viaggiatori zaino in spalla ha.

Il mio interesse per questo tipo di mete non è mai stato alto oltretutto ero stato a Montanita di recente quindi ho preferito passare oltre. In ogni caso qui oltre a tanta festa le condizioni per fare surf sembrano essere buone, nel caso fossi interessato!

Tramonto a Huanchaco in peru  

Tramonto lungo la costa peruviana.

Possibili Itinerari Peru

Di seguito elenco possibili itinerari di 2, 3 e 4 settimane, ovviamente non esiste l’itinerario perfetto dato un lasso di tempo, quindi prendi ciò che segue come ispirazione e modifica l’itinerario in base ai tuoi interessi/budget!

Itinerario di 2 settimane in Perù

Questo itinerario è pensato per un viaggio di due settimane low cost in Perù senza cercare di strafare e passare la maggior parte del tuo viaggio spostandoti da una meta all’altra ed ottimizzando i tempi. In ogni caso, con così poco tempo a disposizione, ti consiglio fortemente di concentrarti esclusivamente sul Sud del Perù.

Mappa per un itinerario di viaggio in Peru di due settimane.

Lima (2 notti)

Passa i primi due giorni per riprenderti dal jet lag ed esplorare la città. Il terzo giorno vai a Paracas dove passerai la notte.

Paracas (1 notte)

Finito il tour alla riserva Paracas e alle isole Ballestas vai a Huacachina dove passerai la notte.

Huacachina (1 notte)

Passa la mattinata all’oasi e partecipa al tour delle dune/sand boarding il pomeriggio poi prendi il bus notturno per Arequipa.

Arequipa (1 notte / Colca Canyon 3 notti)

Esplora la città il primo giorno e poi fai il trekking del Colca Canyon come descritto in precedenza per poi prendere un bus notturno per Cusco il quarto giorno.

Cusco(5 notti)

Giorno 1: Esplora la città

Giorno 2: Montagne Arcobaleno

Giorno 3: Valle sacra fai da te

Giorno 4-5: Machu Picchu

Lima (1 notte)

Qui dipende molto dal tuo volo di ritorno, teoricamente potresti tornare lo stesso giorno senza necessariamente dover passare la notte a Lima. Per tutti gli altri spostamenti, ti consiglio di spostarti in autobus. Invece, per la tratta Cusco – Lima, dai un’occhiata ai voli, in autobus sono minimo 22 ore e non si spende molto meno.

Ripeto, questo è l’itinerario che consiglio a chi ha poco tempo/denaro a disposizione. Visitare la linee di Nazca,Puno e partecipare a qualche trekking a Machu Picchu è sicuramente fattibile (budget permettendo) tagliando il tour fai da te del Colca Canyon per esempio.

Itinerario di 3 settimane in Perù

Con tre settimane a disposizione consiglio di concentrarsi comunque sul sud del Paese, seguendo l’itinerario di due settimane e aggiungendo magari un tour della foresta amazzonica a Puerto Maldonado e un paio di giorni a Puno sul lago Titicaca. In alternativa, se sei un amante del trekking, considera l’idea di dirigerti a nord verso Huaraz che dista solo 8 ore in autobus da Lima.

Mappa itinerario per un viaggio di tre settimane in Peru

Itinerario di 4 o più settimane In Perù

Quattro settimane sono sufficienti per esplorare decentemente anche il nord del Perù, se arrivi da Ecuador a nord o Bolivia a sud, allora attraversare il Perù da nord a sud o viceversa è palesemente la scelta migliore. Se invece hai come punto di arrivo e partenza Lima, il mio consiglio è quello di completare l’itinerario di 2-3 settimane appena visto e poi prendere un volo Cusco – Cajamarca (se prenotato un pò in anticipo costa sui 50-100€) per poi scendere di nuovo verso Lima in autobus.

Come spostarsi in Perù

Autobus

La rete di autobus e collectivos è estremamente efficiente e permette di raggiungere qualunque destinazione abbastanza semplicemente con la giusta programmazione. Lunico vero problema della rete di autobus è che al contrario degli altri paesi del Sud America, dove esiste un unico terminal degli autobus da dove partono tutte le compagnie, in Perù specialmente nelle grandi città ogni compagnia tende ad avere il proprio terminal e non sempre sono vicini tra loro, cosa a volte davvero frustrante.

Per chi cerca il lusso, la miglior compagnia di autobus è indubbiamente Cruz del Sur, vengono forniti pasti a bordo e il servizio cama “prima classe” prevede delle file da 3 sedili invece di 4, e quindi molto più comodi e spaziosi. Ogni posto è inoltre fornito del proprio schermo per l’intrattenimento. Ovviamente è più cara rispetto alle altre compagnie ma comunque economica per gli standard europei.

Un’altra compagnia estremamente popolare, che lavora quasi esclusivamente con i turisti, è Peru Hop, simile a un interail, permette di pagare per un pass che ti consente di spostarti quando vuoi all’interno di un determinato itinerario con “pick up” al proprio ostello/hotel. Questa compagnia opera anche in Bolivia sotto il nome di Bolivia Hop e permette di comprare pass validi per entrambi i Paesi. Ovviamente il servizio offerto, seppur comodo ed efficiente, è molto più caro rispetto agli autobus locali.

Il servizio è conveniente ed efficiente ma di certo non economico se comparato al fai da te.

Per comparare prezzi delle principali compagnie peruviane puoi dare un’occhiata a redbu.pe ma come sempre consiglio di comprare il biglietto direttamente al terminal per avere le tariffe migliori.

Taxi

I taxi in Perù non usano il tassimetro quindi assicurati di stabilire il prezzo prima di partire così da evitare sorprese e discussioni inutili magari chiedendo allo staff del tuo hotel/ostello quale sia il prezzo corretto per una determinata tratta.

Specialmente nelle grandi città, diffida dei taxi palesemente non ufficiali e degli autisti che ti dicono “questo hotel/ostello è chiuso/pieno”, spesso lavorano su commissione e cercheranno di portarti da qualche altra parte.

Uber è un’ottima alternativa ma per il momento funziona solo ad Arequipa e Lima.

Un taxi giallo per le strade di Lima  

Un taxi giallo per le strade di Lima.

Aereo

I voli interni non sono estremamente cari è sono sicuramente un’ottima opzione per chi ha poco tempo per visitare il Paese, Le compagnie che operano voli interni sono: LC Peru, LATAM Peru, Peruvian, StarPeru, Avianca Peru.

Alcune compagnie hanno prezzi diversi in base alla moneta in cui si paga in modo tale da fare pagare le tariffe più care ai turisti. Fatti furbo!

Autostop

Fare l’autostop per brevi distanza è abbastanza comune in zone rurali ma evita di farlo in città. Dopo aver ricevuto un passaggio è consigliabile lasciare qualche soles o almeno provarci in quanto il Perù è estremamente povero e la benzina è un costo non da poco per molte persone. In alcuni casi potrebbe esserti richiesto un “rimborso spese”.

Viaggio in Perù costi

Insomma quanto costa un viaggio in Perù?

Un volo dall’Italia se prenotato con anticipo non dovrebbe costare più di 600/700 euro fatta eccezione per periodi come agosto e capodanno. In ogni caso ti consiglio di leggere la mia guida su come trovare voli economici.

Trasporto

Il trasporto è davvero economico specialmente se hai la pazienza e la voglia di evitare servizi e compagnie costose come Cruz del Sur e Peru Hop preferendo compagnie usate dalla gente del posto. I prezzi di queste compagnie sono spesso trattabili. Per molte destinazioni trovi il costo dei biglietti dell’autobus giusto per farti un’idea (i prezzi sono indicativi e in alcuni casi potrebbero non essere aggiornati). In generale, bus locali e collectivos non dovrebbero costare più di 5 soles all’ora .

Alloggio

Un dormitorio in ostello può costare ovunque tra i 25 e 50 soles a notte, molto dipende dalla città e dal periodo dell’anno oltre che ovviamente dalla qualità dell’alloggio. Per una camera doppia in ostello, ma anche in un hotel basico, aspettati di pagare sui 100 soles.

Cibo

Specialmente a pranzo non è difficile trovare un menu del giorno a partire da 5-10 soles (antipasto, primo/secondo, bibita) in qualche comedor o per strada anche se molto dipende dalla zona/città. Per ristoranti un po’ più di alto livello aspettati di pagare almeno 20 soles.

Un piatto di Ceviche in Peru. Piatto tipico peruviano.  

Un piatto di Ceviche.

Attività

Machu Picchu, linee di Nazca e un tour della foresta amazzonica sono indubbiamente le attività più costose da svolgere in Perù. Tutti gli altri siti archeologici sono notevolmente meno cari e molti trekking/tour sono molto più economici e possono spesso essere fatti in maniera indipendente.

Per concludere, il Perù è estremamente economico ed è secondo solo alla Bolivia come costo della vita tra tutti i Paesi del Sud America. Per chi viaggio zaino in spalla dovrebbe essere relativamente facile rimanere attorno ai 25€ al giorno di budget.

Per tanti trucchi e accorgimenti per mantenere il tuo budget sotto controllo ti consiglio questo articolo.

Viaggio in Perù Sicurezza

Il Perù è pericoloso? La risposta breve è no anche se alcune aree sono assolutamente da evitare, in particolar modo a Lima dove certi quartieri sono considerati estremamente pericolosi anche da gente del luogo specialmente di notte.

Detto questo le principali aree turistiche sono da considerarsi sicure e usando il buon senso non dovresti aver nessun problema. Ti consiglio in ogni caso di daro un’occhiata a questo articolo sulla sicurezza in viaggio dove do un sacco di consigli utili per ridurre al minimo le probabilità che qualcosa di spiacevole accada.

Stai pianificando un viaggio in Peru? Dai un’occhiata a questi post:

Migliori carte di debito per viaggiare 

Che cosa portare per un viaggio in Peru

Quale zaino da viaggio scegliere

Come scegliere una buona assicurazione viaggio

Per qualsiasi cosa non esitare a lasciare un commento!

Se hai trovato questo articolo utile allora considera l’idea di acquistare la tua assicurazione viaggio tramite uno dei link presenti in questo sito, facendolo supporti il mio lavoro senza alcun costo aggiuntivo per te. Grazie. Io consiglio World Nomads specialmente se superi i 4000 metri di altitudine (quota massima per fare trekking di molte assicurazioni viaggio come Columbus) come capita per esempio durante il tour alle montagne arcobaleno, World Nomads ti garantisce copertura assicurativa fino a 6000 metri.

Ti è piaciuto il post? Pinnalo!
Come organizzare un viaggio low cost in Peru - Guida definitiva





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

*